archivio georgofili
  • archivio georgofili

Struttura dell'archivio

Accademia dei Georgofili

Archivio storico


117 Fascicolo Busta 117   
117.106 Fascicolo Bando in data 10 maggio sul tema: «Miglioramenti nelle pratiche agrarie da esporsi in apposita relazione».   
117.111 Fascicolo Bando con premio Alberti in data 6 marzo per chi abbia ottenuto mediante scelta dei semi un notevole miglioramento nella produttivitą di una o pił varietą di frumento.   
117.105 Fascicolo Bando in data 11 febbraio 1877 sul tema: «Se ad agevolare ed assicurare il perfezionamento ed incremento dell'industria enologica in Italia, sia da raccomandare e procurare che pił generalmente dai proprietari e dai coltivatori si vendano le uve ai fabbricanti di vino piuttosto che manipolarle essi medesimi; e se in particolare nei paesi di mezzaria possa conferire all'intento suddetto che i mezzaiuoli si dividano le uve piuttosto che il vino».   
117.107 Fascicolo Bando con premio Cuppari in data 26 luglio 1885 per gli autori dei due migliori scritti illustrativi di una determinata azienda rurale a scelta.   
117.108 Fascicolo Bando con premio Alberti in data 10 ottobre 1886 per i miglioramenti apportati nell'oleificio con l'impianto di macchine perfezionate.   
117.109 Fascicolo Bando con premio Alberti in data 8 gennaio 1888 per i miglioramenti ottenuti nella preparazione dell'olio di oliva.   
117.110 Fascicolo Bando con premio Cuppari in data 6 marzo 1892 per la compilazione di un libero manuale ad uso dell' agricoltore toscano.   
117.112 Fascicolo Bando con premio Alberti in data 9 luglio 1893 per un'esposizione analitica della produzione forestale che ne metta in luce ogni singolo elemento per un tenimento boschivo di ettari 50.   
117.113 Fascicolo Bando con premio Cuppari in data 9 luglio 1893 per un «Libero manuale ad uso dell'agricoltore toscano».   
117.114 Fascicolo Bando con premio Cuppari in data 9 luglio 1893 sul tema: «Studio sugli effetti del governo del vino in relazione col presente stato della scienza intorno alle fermentazioni: tale studio deve essere fondato su ricerche sperimentali e particolarmente inteso a suggerire utili modificazoni alle pratiche vigenti in Toscana».